Scuola per Videomakers

L'arte della narrazione per immagini. Corso per videomakers a cura di Giovanni Di Nino, telecineoperatore RAI Radiotelevisione Italiana

Operatore di ripresa: Pier Luigi Lombardini.

Responsabile del progetto: Daniela Capurro

Organizzazione: Teatro G.A.G.

Info iscrizioni: info@teatrogag.it, teatrogag@gmail.com, tel. 3920930335

 

Lo stage si rivolge ai principianti che vengono istruiti nelle basi della scrittura visiva, regia, uso della macchina da presa.

 

OBIETTIVI

 

Obiettivo dello stage è l'educazione visiva dell'allievo. Durante il percorso didattico, a partire da un inquadramento storico - dalla pittura al cinema, dalla televisione alle nuove forme della comunicazione multimediale-, verranno illustrate agli allievi le diverse tipologie della rappresentazione visiva e le modalità di costruzione spaziale dell'immagine, mettendone in luce i significati di ordine simbolico e psicologico. L'intento dei docenti è quello di aiutare l'allievo a maturare una consapevolezza visiva e di stimolare lo sviluppo di un'estetica personale e originale.  Il corso si struttura in lezioni teorico-pratiche, dove all'insegnamento viene affiancata la possibilità di cimentarsi alla macchina da presa e di tradurre in pratica le nozioni ricevute. Fornire un banco di prova per verificare il talento di ognuno è la strategia essenziale. È previsto un certificato di frequenza.

 

INQUADRAMENTO

 

Gli allievi vengono istruiti sulle basi della scrittura visiva, della regia, dell’uso della telecamera. Si affronteranno giornate con apprendimento a ritmo serrato, si praticheranno tecniche di ripresa audiovisiva per tutta la durata dello stage. Le fondamentali premesse storiche verranno enucleate durante il corso.

 

 

PROGRAMMA 

I primi due giorni sono di studio intensivo teorico e pratico. 

Che cosa significa ragionare per immagini, il découpage, il linguaggio del montaggio. Pittura e cinema: un confronto con la bidimensione. Lo stereotipo culturale, il campo percettivo e i punti di forza: la percezione e la struttura della forma. Semiotica dell’immagine e del linguaggio verbale. Il segno-immagine, l’icona: intensità intellettuale. Denotazione e connotazione. Dall’audiovisivo alla forma temporale due dimensioni: tempo reale e tempo interno. Mimesi e diegesi (nella diretta): narrazione e azione nel testo. Il linguaggio della comunicazione audiovisiva: campi, piani, segni di interpunzione, moduli narrativi. 

Nel primo periodo, gli allievi faranno esercizi individuali e divisi in gruppi. La parte finale sarà dedicata alla proiezione e al commento dei girati. Ogni gruppo di studenti scrive e dirige il suo filmato e a rotazione e cambia ruolo nella squadra. Un periodo di apprendimento che cambierà il vostro approccio alla comunicazione audiovisiva.

 

Regia: diversi tipi di format

 

Sarà possibile acquisire le principali competenze in un'esperienza di apprendimento unica e interdisciplinare, che copre cinema, televisione e media interattivi. Si comprenderanno le tecniche di narrazione del campo audiovisivo, si avrà l'opportunità lavorare direttamente con attori e di incontrare esperti di settore. Teoria e pratica in costante interazione, in un ambiente dove anche la storia del cinema e della televisione costituiscono una importante base scientifica per coloro che si preparano ad affrontare il percorso professionale prescelto.

 

Il linguaggio cinematografico

 

PERCEZIONE DELLA FORMA

l'influenza degli stereotipi culturali quando si riproduce un oggetto

 

L'IMMAGINE COME OGGETTO COMUNICATIVO

differenze tra linguaggio visivo e linguaggio verbale

 

IL CAMPO DELLA VISIONE 

analisi e costruzione di un'immagine – come si è risolto il problema nelle arti visive

 

TECNICA DELL'AUDIOVISIVO

 

LA VISUALIZZAZIONE NELL'AUDIOVISIVO

uso e significato dei campi e dei piani di ripresa 

l'inquadratura, i movimenti di macchina , le focali

 

ELEMENTI DI REGIA

le unità di narrazione audiovisiva – visione e analisi di sequenze

 

La LUCE 

natura fisica di ciò che chiamiamo luce, qualità e quantità del flusso luminoso

il colore in fisica e il colore che serve a noi – psicologia del colore

 

LA LUCE CHE DISEGNA

come si illumina un close-up, come un'intervista, come un set – metodo a due, tre, quattro,  otto punti luce

 

 

ATTREZZATURE E IMPIANTI

Gli studenti utilizzano le proprie videocamere e i propri computers. Luci e montaggio sono a carico della scuola.

  

DURATA: TRE MESI

Orario di apertura

Lun - Sab
18.00 - 20.00

Contatti

E-Mail: info@teatrogag.it, teatrogag@gmail.com
Tel: 3920930335

Teatro G.A.G. Via della Consolazione 3r
16136 Genova

Si riceve solo su appuntamento